Insieme al popolo Saharawi

Insieme al popolo Saharawi

Continua da parte della Regione Emilia Romagna l’attenzione nei confronti del popolo Saharawi e dell’oppressione che subisce ormai da decenni. E’ stato infatti presentato oggi presso la sala Polivalente dell’Assemblea legislativa, un documentario dal titolo “Solo per farti sapere che sono viva” che racconta la storia di Degja Lachgare, una ragazza Sahrawi che nel 1980 è stata prelevata da casa sua e per 11 anni è stata tenuta prigioniera e torturata ed è poi diventata un simbolo delle condizioni di vita del suo popolo.

La proiezione del documentario, alla quale hanno partecipato anche rappresentanti dell’associazione reggiana “Jaima Saharawi” è stata  l’occasione per discutere degli sviluppi della questione Saharawi, che attualmente vive una situazione di stallo, coi negoziati tra il “fronte Polisario” e il Regno del Marocco congelati e senza vie d’uscita percorribili. Al dibattito hanno partecipato, Marco Capodaglio (resp. ufficio politiche europee e relazioni internazionali) , Omar Mihi (ambasciatore Saharawi in Italia), un rappresentante del tavolo Saharawi in Italia e la regista del film Emanuela Zuccalà, insieme a Beppe Pagani, presidente della V commissione assembleare, che si occupa anche di cooperazione internazionale, che ha illustrato gli impegni dell’Assemblea Legislativa dell’Emilia Romagna per una veloce e duratura risoluzione del conflitto, in particolare della risoluzione m°5143, già approvata, che impegna la Giunta ad agire nelle sedi deputate per una ripresa dei negoziati, sotto l’egida dell’ONU, tra Fronte Polisario e Regno del Marocco e ad esigere da quest’ultimo il rispetto dei diritti delle donne Saharawi, applicando la convenzione di Istanbul del 2011. Proprio oggi si è aperto infatti a New York, alla sede delle Nazioni Unite, un consiglio di sicurezza che deve decidere a proposito dell’estensione della missione MINURSO (la missione ONU in Saharawi) e la risoluzione chiede che vengano aggiunti compiti di monitoraggio dei diritti umani, da parte dei soldati.

“Sono molto contento di questa iniziativa – commenta il consigliere Pagani – da anni siamo vicini al popolo Saharawi che vive in una condizione difficilissima: espulso dalla propria terra e costretto a vivere in campi profughi, vittima di una guerra che sembra non trovare una pacifica via d’uscita. Vogliamo essere vicini in maniera concreta soprattutto alle donne, che spesso soffrono ancora di più degli uomini questa situazione. Per quel che possiamo stiamo facendo tutto il possibile, spero che questa risoluzione e il successivo lavoro della Giunta trovino ascolto e condivisione e sono incoraggiato dalle parole del segretario dell’ONU Ban Ki Moon che ha dichiarato che entro ottobre è indispensabile sbloccare la situazione del Sahara Occidentale.”

Qui il trailer del documentario “Solo per farti sapere che sono viva”:

Condividi:

Scritto da: Redazione

Permalink articolo , i trackback sono disattivati.